albo d'oro


2016

Ospiti della Comunità
"
Il Ciliegio Due"
di Vertemate con Minoprio
.

Titolo:


Cooperativa Sociale Onlus "Costa Sorriso" di Maccagno.

Titolo:


Cooperativa Sociale Onlus "Iris Accoglienza" di Gallarate..
Titolo:


Scuola Secondaria di secondo grado "Liceo Ernesto Cairoli" di Varese

Titolo:


Istituto Comprensivo di Vertemate con Minoprio, plesso di Bregnano

Titolo filmato:


Alunni del Liceo "A.Tosi" di Busto Arsizio.
Titolo:


2015

Ospiti della Comunità
"
Il Ciliegio Due"
di Vertemate con Minoprio
.

Titolo:


Centro Formazione per l'Inserimento nel Lavoro "CFPIL" di Varese

Titolo:


Alunni della Scuola Media di Balerna del Canton Ticino.
Titolo:


Alunni della Scuola Media
"Sally Mayer" di Cairate

Titolo:


Alunni del Liceo "A.Tosi" di Busto Arsizio.
Titolo:


2014

SEZIONE ARTICOLO

Scuole secondarie di I° grado:

Lorenzo Ferrario e a Francesco Rossetto Scuola Secondaria “Sally Mayer” di Cairate.
Titolo:


Menzione per Marco Molteni, Giorgia Bellanca, Francesca Ghitti, Martina Verga, Alice Volonterio.
Della Scuola Media “Falcone Borsellino” di Bregnano



Realtà sociali:

Premio a Corrado della Coperativa Sociale "Il Ciliegio" di Vertemate
Titolo:


Segnalazione per “Tutti pazzi per la scienza” Cooperativa Iris Accoglienza di Gallarate.
Titolo:




SEZIONE PUBBLICAZIONE

Scuole secondarie di I° grado:

Alunni dell'Istituto Comprensivo “Nazario Sauro” di Malnate.
Titolo:


Alunni della Scuola Media di Barbengo del Canton Ticino.
Titolo:


Scuole secondarie di II° grado:

Alunni del Liceo "A.Tosi" di Busto Arsizio.
Titolo:


Alunni del Liceo Classico “Ernesto Cairoli” di Varese
Titolo:


2013

SEZIONE ARTICOLO

Scuole secondarie di I° grado:

Alunni Istituto comprensivo "G. Bosco" di Fenegrò.
Titolo:


Menzione per "Monotrilocale", alunni classe III A Istituto comprensivo "G. Bosco" di Fenegrò.


Scuole secondarie di secondo grado:

Isabella Garancini
Liceo Scientifico dell'Istituto Orsoline di Como
Titolo:


Menzione per Sarah Abdellaoui Liceo P. Giovio di Como.
Titolo:


Menzione per Fabio Giordano Liceo P. Giovio di Como.
Titolo:


Realtà sociali:

Società Cooperativa Sociale "IL Mosaico".
Titolo:


Menzione per Consolaro, La Viola, Muffato, Papa.
Istituto Iris accoglienza di Gallarate.
Titolo:




SEZIONE PUBBLICAZIONE

Scuole secondarie di I° grado:

Alunni del'Ic "D. Alighieri" di Olgiate Olona.
Titolo:


Menzione speciale per alunni Istituto "N. Sauro" di Malnate.
Titolo:


Scuole secondarie di II° grado:

Alunni del Liceo "A.Tosi" di Busto Arsizio.
Titolo:



Realtà sociali

Associazione NéP di Como
Titolo:


Menzione speciale per Società cooperativa sociale "Il Mosaico"
Titolo:


2012

Sezione articolo

Scuole secondarie di I° grado:

Minelli Martina
della scuola media di Morbio Inferiore (Canton Ticino)
Titolo:


Segnalazione per Giorgia Colucci alunna dell'Istituto Comprensivo "Silvio Pellico" di Vedano Olona (Va).
Titolo:


Scuole secondarie di secondo grado:

Martina Jacobs
del Liceo P.Giovio di Como
Titolo:


Segnalazione per Beatrice Rosa Di Leo alunna del Liceo Artistico Frattini (Va).
Titolo:


Realtà sociali:

Rosa Di Stora / Marco Papa
della "Iris accoglienza" di Gallarate
Titolo:


Segnalazione per l'articolo


presentato dalla redazione della associazione La Finestra di Malnate



SEZIONE PUBBLICAZIONE

Scuole secondarie di I° grado:

Classe IIIc "N. Macchiavelli" di Cadorago (Co)
Titolo:


Segnalazione per la pubblicazione


presentata dagli alunni della classe IIIG della scuola secondaria di I grado "N. Sauro" di Malnate.


Scuole secondarie di II° grado:

Liceo Classico "E. Cairoli" di Varese
Titolo:


Segnalazione per la pubblicazione


presentata dagli alunni del Liceo Cantonale di Bellinzona.


Realtà sociali

Associazione NéP di Como
Titolo:


Segnalazione per la pubblicazione


presentata dalla cooperativa "Il Mosaico" di Bulgarograsso (Co).

2011

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - Sezione articolo


autrici: Noemi Bompiano, Lucrezia Daniele, Anna Ghielmi, Sara Olivieri alunne della classe 3^ A dell' Istituto Comprensivo "N.Sauro" di Malnate (Va)


Segnalazioni per:
"Com'era freddo il nostro cuore: in onore della giornata della memoria"
autrice: Fiammetta Gianfrate alunna della classe 3^C dell'Istituto Comprensivo "Anna Frank" di Varese


autrici: Susanna Brusa e Greta Greppi alunne della classe 1^A del'Istituto Comprensivo "N.Sauro" di Malnate (Va)



SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - Sezione pubblicazione

Premio a

autori: alunni dell'Istituto Comprensivo di Lora (Co)


Segnalazioni per:

autori: alunni della classe 2^ C dell'Istituto Comprensivo di Cadorago (Co)


autori: alunni della Scuola Media Ambrì (Ch)



SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO - Sezione articolo


autrice Lisa Mazzon alunna della classe 4^ A del Liceo Giovio di Como


Segnalazioni per:

autore: Luca Giacolone alunno della classe 3^ edili due dell'Istituto "Magistri Cumacini" di Como


autore: Andrea Ceschina alunno della classe 3^ edili due dell'Istituto "Magistri Cumacini" di Como



SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO - Sezione pubblicazione



autori : alunni del Liceo "Teresa Ciceri" di Como



REALTA' SOCIALI - Sezione articolo


autrice Giuditta per la Società "LA VILLA" di Guanzate (Co)


Segnalazione per:

autore: Daniele Menarbin per la Coop. Soc. Onlus "IRIS ACCOGLIENZA" di Gallarate (Va)



REALTA' SOCIALI - Sezione pubblicazione

Premio a

autori: i componenti della redazione dell'Associazione Nèp Onlus di Como


Segnalazione per:

autori: i componenti della redazione della Coop. Soc. Onlus "IRIS ACCOGLIENZA" di Gallarate (Va)

2010

REALTA' SOCIALI - Sezione Articolo


soc. coop. Il Mosaico


Segnalato:

Rita Pellizzato per Iris Accoglienza



REALTA' SOCIALI – Sezione Pubblicazione


Associazione "La Villa"


Segnalato:




SECONDARIE DI I° GRADO – Sezione Articolo


Lorenzo Luisoni



SECONDARIE DI I° GRADO - Sezione Pubblicazione


Istituto Manzoni


Segnalati:

Ic Cadorago


Ic Cairate



SECONDARIE DI II° GRADO - Sezione Articolo


1°Martina Bellinzona


Segnalati:

Simone Tettamanzi


Matteo Larghi


Viola Martinelli



SECONDARIE DI II° GRADO - Sezione Pubblicazione


Liceo Volta

2009

Scuole SECONDARIE DI I° GRADO - Sezione articolo

Il vincitore è Luca Canavesi Istituto Comprensivo di Cairate con l’articolo


Alunni segnalati:  
Arianna Limoncello Scuola Media di Balerna con l'articolo


Anna Mascheroni Istituto Comprensivo di Cairate con l'articolo


Laura Milceri Bausotto, Marta Poletti, Linda Radice e Gaia Viggi Istituto comprensivo di Lora con l'articolo




Scuole SECONDARIE DI I° GRADO - Sezione reportage:

Il vincitore è Alberto Marcolli Istituto Comprensivo di Cairate con il reportage
"Alla riscoperta della Valmorea"


Alunni segnalati:
Sara del Giudice Istituto Comprensivo di Cairate con il reportage




Scuole SECONDARIE DI II° GRADO - Sezione Articolo

Vince la classe 1H Liceo Classico A.Volta di Como con l’articolo


Alunni segnalati:
Francesca Messaggi Liceo Classico A.Volta di Como con l'articolo


Nicola Salvati e Martina Eguaglia Istituto Tecnico Tosi di Busto Arsizio con l'articolo




REALTA' SOCIALI - Sezione articolo

Vincitori ex-equo :
Associazione Iris Accoglienza di Gallarate con l'articolo


Associazione La Finestra di Malnate con l'articolo


2008

Scuole SECONDARIE DI I° GRADO – Sezione articolo


1° classificato Giuliano Egizio con l’articolo

                 — — —

2° classificato Sara Benaglio con l’articolo




Scuole SECONDARIE DI I° GRADO – Sezione reportage


1° classificato Lisa Stievani  con il reportage




Scuole SECONDARIE DI II° GRADO


1° classificato Francesca Sharon Colombo con l’articolo


2° classificato Barbara Orlando con l’articolo


2007

Scuole SECONDARIE DI I° GRADO

1° premio

di Kostas Poulos alunno dell'Istituto Comprensivo "Nazario Sauro" di Malnate (Va).


2° premio:

di Sonia Baroffio alunna dell'Istituto Comprensivo "Nazario Sauro" di Malnate (Va).


3° premio:

di Beatrice Croci alunna della Scuola Media Statale "Anna Frank" di Guanzate (Co).

Scuole SECONDARIE DI II° GRADO


1° premio:

di Camilla Marocchi alunna dell'I.T.P.A. "Nuccia Casula" di Varese.


2° premio:

di Filippo Pozzoli alunno del Liceo Scientifico Statale "Galileo Galilei" di Erba (Co).


3° premio: due articoli a pari merito:

di Sofia Castoldi alunna del Liceo Classico "Alessandro Volta" di Como


di Diego Joppolo alunno dell'I.T.I.S. "Magistri Cumacini" di Como.



il premio

  • Il Premio
  • 2016
  • 2015
  • 2014
  • 2013
  • 2012
  • 2011
  • 2010
  • 2009
  • 2008
  • 2007

L'idea del premio nasce da una felice intuizione di Pietro Berra giornalista e poeta, volta ad offrire alla comunità delle province di Como, Varese e del Canton Ticino lo stimolo per un momento culturale di alto profilo.

 

Il Premio Severo Ghioldi per aspiranti giornalisti, – promosso dalla IUBILANTES Organizzazione di Volontariato Culturale onlus, in collaborazione con la Insubria Media Point associazione per l’etica nella comunicazione – nasce per incoraggiare la formazione e riconoscere l’attività di giovani che vorrebbero cimentarsi nella realtà dei media della carta stampata. Il riconoscimento a carattere culturale, è riservato a opere inedite di giovani delle Scuole Secondarie di Primo e Secondo Grado ed alle realtà sociali dedicate ai diversamente abili del territorio delle province di Como, Varese e del Canton Ticino.

 

Severo Ghioldi, Preside, educatore e giornalista, scomparso nel 2005, socio Iubilantes sin dagli esordi dell’Associazione, ha dedicato gran parte della propria attività ai giovani, non solo fornendo loro un limpido esempio di impegno professionale, di passione civile e di rigore morale ma anche aiutandoli costantemente nell’ambito scolastico, incoraggiandoli, sostenendoli e valorizzandoli nello sviluppo della loro personalità.

 

Il territorio insubrico – in particolare le province di Como, (dove era nato e ha vissuto), di Varese, (dove ha operato, come professionista nel mondo della scuola), e del Canton Ticino, (che amava ed apprezzava), – era per Severo Ghioldi un prezioso osservatorio della realtà culturale, politica e civile del paese. Un serbatoio ricchissimo di problematiche e spunti non banali, un ambito professionale che consente di mantenere un contatto diretto e "caldo" con la realtà che il dirigente scolastico, il maestro, l’insegnante, cosi come il giornalista deve percepire, deve tener presente, vuole e deve raccontare.

 

Il premio vuole, allora, essere uno stimolo per i giovani che, fin dai banchi della scuola, vogliono imparare a osservare, amare per poi descrivere il loro territorio, con attenzione, semplicità e coraggio.

 

Il premio non è solo testimonianza di affetto da parte delle persone che lo hanno conosciuto, ma anche un impegno per la promozione dei valori di libertà, coerenza e professionalità difesi e ora rappresentati dalla figura di Severo Ghioldi.

Conferimento dei Premi 2016

foto

Sabato 21 maggio 2016, presso l'auditorium della Scuola Media di Malnate (Va), si è svolta la manifestazione conclusiva della decima edizione del premio di giornalismo "Severo Ghioldi" che ha coinvolto gli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado e gli ospiti delle cooperative sociali delle Province di Como, Varese e del Canton Ticino.

Il premio, promosso come ogni anno dall'associazione Iubilantes, in collaborazione con Insubria Media Point per rendere omaggio al preside, professore, giornalista e poeta appianese, scomparso nel 2005, vuole essere uno stimolo per i giovani che, fin dai banchi della scuola, vogliano imparare ad osservare e amare, per poi descrivere, il loro territorio.

La commissione giudicatrice, composta dai giornalisti Pietro Berra, Silvia Bottinelli, Maurizio Canetta, Antonio Franzi, Carla Colmegna, Mauro Della Porta Raffo, Katia Trinca Colonel e Roberto Bof, valuta in modo particolare il riferimento alla realtà sociale e culturale della Regione Insubrica.

Durante la manifestazione, presentata da Antonio Franzi, grande amico del preside Ghioldi, sono stati conferiti i premi in denaro consegnati da Aldo Ghioldi, fratello di Severo e le pergamene, quale attestato di partecipazione, consegnate da Maria Chiara Sibilia, moglie del preside scomparso nel 2005.

 

foto

I primi a salire sul palco, accompagnati dal loro coordinatore Enrico Pinotti, sono stati gli ospiti della Comunità "Il Ciliegio Due" di Vertemate con Minoprio, autori del libro intitolato "Le storie siamo noi". Gli autori Corrado, Davide, Lorena, Francesco, Donatella ed Eugenio hanno sentito il bisogno di ampliare con nuovi racconti le "storie" che avevano pubblicato lo scorso anno nel giornale "Pi greco". In quel giornale, per ragioni di spazio, non avevano trovato posto nemmeno alcuni disegni di Eugenio, l'artista del gruppo, pensieri particolari e riflessioni personali, aneddoti e alcuni ricordi importanti. Il filo conduttore è lo stesso: raccontare le proprie storie come se fossero davanti ad un camino acceso durante una giornata invernale.

Accanto a Pinotti è salita sul palco la giornalista Silvia Bottinelli, che ha seguito la realizzazione del libro con indicazioni e suggerimenti.



Dopo la presentazione della pubblicazione degli ospiti del "Ciliegio due" Mauro Sarasso ha ricordato le manifestazioni che si sono susseguite nel corso degli anni, tutte nel ricordo dell'amico Severo che ha lasciato un segno indimenticabile nella comunità scolastica di Malnate.


foto

È stata poi la volta della Cooperativa Sociale Onlus "Costa Sorriso" di Maccagno, premiata per la pubblicazione "Costa Sorriso Informa".

Gli ospiti del centro sono saliti sul palco accompagnati dalla direttrice Daniela Martarelli che ha illustrato le iniziative e le attività organizzate dalla cooperativa.



foto

A seguire Antonio Franzi ha invitato sul palco i ragazzi del laboratorio di Musical condotto da Educational Team. Si tratta di una scuola di musical che dal 2006, in collaborazione con l'Associazione Genitori di Malnate, offre ai giovani la possibilità di mettere in scena grandi musicals.

 

foto

Sullo schermo appaiono le locandine dei loro momenti importanti del loro lavoro che sono stati realizzati negli anni passati, quali "Anna ed il Re", "Les Choristes", "Il dono del padre" tratto dal film "La vita è bella". Molto impegnati e preparati, si addestrano tutti i mercoledì pomeriggio nell'Aula Magna dell'istituto ed in altri giorni presso Piazza Rosselli di Malnate. Durante la manifestazione hanno presentato due pezzi molto famosi dello spettacolo musicale "Notre-Dame de Paris", opera popolare scritta da Luc Plamondon e messa in musica da Riccardo Cocciante, tratta dall'omonimo romanzo di Victor Hugo. La trama è incentrata su Quasimodo, il deforme campanaro della cattedrale di "Notre Dame" e alla sua lotta per farsi accettare nella società. Il primo pezzo che presentano è Corte dei Miracoli, vicolo di Parigi dove si riunivano mendicanti ed emarginati sociali. I ragazzi ripropongono i canti e i balli del famoso Musical.

 


foto

È poi il momento di consegnare il premio agli ospiti della Cooperativa Sociale Onlus "Iris Accoglienza" di Gallarate per la pubblicazione "Insieme" che esce tre volte all'anno. È il frutto dell’attività di redazione che vede coinvolti settimanalmente utenti e operatori del CSE. L'attività è finalizzata alla acquisizione di capacità di comprensione della realtà, di elaborazione del pensiero, di costruzione dei testi e l'utilizzo di mezzi informatici. I vincitori sono saliti sul palco accompagnati dalla dirigente Carla Zoia.



foto

A questo punto i ragazzi della Scuola di Musical di Educational Team hanno eseguito Sottosopra il secondo pezzo sempre tratto dal "Notre-Dame de Paris".

 

 

 

 

 

foto

Si procede poi alla premiazione della Scuola Secondaria di secondo grado "Liceo Ernesto Cairoli" di Varese per la pubblicazione "Il resto dell'Ernesto". Gli autori, accompagnati dal Preside Salvatore Consolo, hanno presentato i contenuti del giornale raccontando le loro esperienze e le loro fatiche, ma anche delle soddisfazioni e dei riconoscimenti ottenuti. La redazione è composta da due caporedattori, da un impaginatore, da un disegnatore e da ben 15 redattori.



foto

Successivamente ha preso il suo posto in scena un grande protagonista del mondo musicale: Umberto Gatti, cantante molto conosciuto, non solo nel territorio tra Como e Varese, molto apprezzato anche dall'amico preside Severo Ghioldi. Umberto dedica la sua esibizione proprio a lui e lo fa interpretando le canzoni francesi che Severo amava molto.


foto

A seguire viene consegnato il Premio all'Istituto Comprensivo di Vertemate con Minoprio, plesso di Bregnano, per il Filmato "...Abitudine al cemento...". È la prima volta che viene proiettato un filmato durante la manifestazione conclusiva del Premio Severo Ghioldi.

L'esordio ha avuto un grande successo. I ragazzi hanno dimostrato di aver fatto un gran bel lavoro di squadra sotto la guida del loro insegnante Davide Pernicano. L'argomento, le condizioni di dissesto ambientale in cui si trova il Parco del Lura nei territori tra Bregnano e Lomazzo, è stato trattato in modo scientifico, attraverso interviste alla presidente di una associazione ambientalista di Bregnano e corredate da immagini molto significative che propongono impietosi confronti tra la situazione attuale e quella precedente ai lavori eseguiti durante la costruzione di una serie di svincoli dell'autostrada Pedemontana.



foto

Si procede infine alla premiazione degli alunni del Liceo Scientifico "Arturo Tosi" di Busto Arsizio (Va) per la pubblicazione "La voce degli studenti". Ha ritirato il premio la professoressa Laura Vignati dopo aver citato i nomi dei ragazzi del Comitato di Redazione. Questi alunni sono molto impegnati nella stesura del giornale perché, nell'arco dell'anno scolastico, pubblicano ben cinque numeri. Contengono commenti alle notizie di politica a livello nazionale e internazionale molto ben approfonditi. I contenuti spaziano dalle attività scolastiche del Liceo ai fatti di cronaca.



foto

Ormai giunti ai saluti finali gli alunni, gli ospiti, i docenti e i dirigenti sono saliti sul palco per le foto di rito, scattate dal fotografo olgiatese Maurizio Moro, accompagnati dalle note e dalla voce di Umberto Gatti che ha ripreso a suonare la sua chitarra intonando altri brani musicali molto coinvolgenti.

Maria Chiara Sibilia

torna su

Conferimento dei Premi 2015

Sabato 16 maggio 2015, presso il cine-teatro "Giacomo Martegani" di Cairate (Va), si è svolta la manifestazione conclusiva della nona edizione del premio di giornalismo "Severo Ghioldi" che ha coinvolto gli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado e gli ospiti delle cooperative sociali delle Province di Como, Varese e del Canton Ticino.

Il premio, promosso come ogni anno dall'associazione Iubilantes, in collaborazione con Insubria Media Point per rendere omaggio al preside, professore, giornalista e poeta appianese, scomparso nel 2005, vuole essere uno stimolo per i giovani che, fin dai banchi della scuola, vogliano imparare ad osservare e amare, per poi descrivere, il loro territorio.

La commissione giudicatrice, composta dai giornalisti Pietro Berra, Silvia Bottinelli, Maurizio Canetta, Antonio Franzi, Carla Colmegna, Mauro Della Porta Raffo, Katia Trinca Colonel e Roberto Bof, valuta in modo particolare il riferimento alla realtà sociale e culturale della Regione Insubrica.

Durante la manifestazione, presentata da Mauro Sarasso, grande amico del preside Ghioldi, sono stati conferiti i premi in denaro, consegnati da Aldo Ghioldi, fratello di Severo.

foto

I primi a salire sul palco sono stati gli ospiti della Comunità "Il Ciliegio Due" di Vertemate con Minoprio, autori del giornale PI GRECO, accompagnati dal loro coordinatore Enrico Pinotti che li ha seguiti, non solo nella stesura dei testi, ma anche nelle scelte grafiche del giornale.

Gli autori hanno sentito il bisogno di raccontare storie vissute in prima persona. Ebbene raccontare avvenimenti che ci riguardano non è facile. Significa scoprirsi, mettersi a nudo. Ma lo scopo è proprio questo. Riuscire a far emergere gli aspetti migliori delle loro professionalità che in genere tendono a rimanere nascosti.

Accanto a Pinotti sono salite sul palco la sig.ra Casati, "factotum" della comunità psichiatrica, che ha ricordato con nostalgia e in modo poetico, il mondo dell'Alta Brianza andata e che non c'è più, e la giornalista Silvia Bottinelli, che ha seguito passo passo la stesura del giornale dando indicazioni, suggerimenti e direttive.



foto

E' stata poi la volta del centro formazione per l'inserimento nel lavoro CFPIL di Varese, premiato per la pubblicazione "Lo sport al CFPIL".

Gli ospiti del centro sono saliti sul palco accompagnati dalla direttrice Anna Sculli e dal suo collaboratore Ivano Pozzi che hanno spiegato quanto sia importante, in questi centri, il ruolo delle attività sportive.

Gli alunni hanno l'opportunità di inserirsi con maggior facilità nel gruppo e riescono poi a raggiungere migliori risultati anche nelle altre discipline.

Il giornalista della commissione che ha seguito i lavori di questi ragazzi è Roberto Bof. Conoscendo i suoi interessi e le attività che svolge non si poteva scegliere meglio. Infatti Bof è un grande sostenitore delle pratiche sportive nella cura della disabilità. Ritiene che lo sport rappresenti per questi ragazzi una risorsa importante. La disabilità, che attraverso lo sport si trasforma in integrazione e divertimento, rappresenta sia un'opportunità per promuovere il benessere fisico, sia un'occasione per favorire momenti di incontro, fondamentali per creare proficue relazioni e una solida rete sociale.



foto

Prima di proseguire con le successive premiazioni Mauro Sarasso ha invitato la professoressa Maria Antonietta Monti a ricordare Severo nel ruolo di insegnante alla Scuola Media di Fenegrò.

Durante le edizioni precedenti del Premio abbiamo ricordato Severo come preside, amico, giornalista e poeta. Ora abbiamo avuto l'occasione di venire a conoscenza che anche nell'insegnamento Severo ha saputo creare un rapporto speciale con i propri alunni.


foto

La manifestazione è proseguita con il conferimento del premio alla Scuola Media di Balerna per la pubblicazione "SMS, la Scuola Media Scrive".

Si tratta di un periodico del comitato genitori e della scuola media di Balerna. Un giornale che riporta quindi i punti di vista di tutti i componenti della comunità scolastica: genitori, insegnanti e alunni. E' ricco di interviste, approfondimenti sulle attività svolte, riporta anche consigli e perfino ricette di dolci tipici del Canton Ticino.

Hanno ritirato il premio due insegnanti d'inglese, la professoressa Simona Torriani ed il professor Walter D’Andrea.

 


foto

E' stata poi la volta dei padroni di casa. Insegnanti e alunni della Scuola Media "Sally Mayer" hanno ritirato il premio assegnato loro per il giornalino "Macchia d'inchiostro", frutto del laboratorio delle classi seconde.

Il giornale conserva ancora il titolo che era stato scelto per il primo numero proprio dal preside Ghioldi. Quest'anno, per l'occasione, è stato dedicato interamente al suo ricordo. Riporta interviste fatte a colleghi, docenti, alunni, sindaci e assessori che hanno avuto rapporti con lui durante i suoi anni di presidenza. La professoressa Annalisa Macchi, che ha seguito gli alunni nel loro lavoro, ha accompagnato sul palco gli autori della pubblicazione.

Purtroppo era assente la giornalista Katia Trinca Colonel, che ha seguito la realizzazione del giornale attraverso le sue visite alla redazione con suggerimenti e indicazioni.



foto

Infine è stato premiato il giornale "La voce degli studenti" elaborato dagli alunni del Liceo Scientifico Statale "Arturo Tosi" di Busto Arsizio.

L'insegnante Laura Vignati ha ritirato il premio e ha descritto il lavoro fatto dagli studenti. I contenuti del giornale spaziano dalle attività scolastiche del Liceo ai fatti di cronaca di interesse nazionale, quali i danni provocati a Roma dai tifosi olandesi del Feyenoord, e a quelli d'interesse internazionale, come il "Periodo post-Gheddafi in Libia" e "Strategia e sviluppi dello Stato Islamico".



Nel finale, prima che tutti i ragazzi premiati salissero sul palco per le foto di rito, gli organizzatori, ringraziando i presenti per la partecipazione e l'attenzione, hanno comunicato l'elenco degli istituti che sono stati selezionati per l'edizione del prossimo anno.

Un grazie ancora va alla giornalista Katia Trinca Colonel che ha seguito i lavori della redazione.

Maria Chiara Sibilia


torna su

Conferimento dei Premi 2014

Sabato 17 maggio 2014, presso l'auditorium dell'Istituto comprensivo “Nazario Sauro” di Malnate, si è svolta la manifestazione conclusiva della ottava edizione del premio di giornalismo “Severo Ghioldi” che ha coinvolto gli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado e gli ospiti delle cooperative sociali delle province di Como, Varese e del Canton Ticino. Questa scelta è dovuta al fatto che Severo era molto legato affettivamente a questo territorio.

 

La commissione giudicatrice, composta dai giornalisti Pietro Berra, Silvia Bottinelli, Maurizio Canetta, Antonio Franzi, Carla Colmegna, Mauro Della Porta Raffo, Katia Trinca Colonel e Roberto Bof, ha valutato in modo particolare il riferimento alla realtà sociale e culturale della Regione Insubrica.

 

Durante la cerimonia sono stati conferiti i premi in denaro, consegnati da Aldo Ghioldi, fratello di Severo, i diplomi e le targhe commemorative, donate dai fratelli “Borghi”, orafi di Malnate, amici dai tempi della scuola di Severo.

 

Sezione articolo

 

Scuole secondarie di I° grado:

fotoIl premio è stato assegnato a Lorenzo Ferrario e a Francesco Rossetto della Scuola Secondaria “Sally Mayer” di Cairate per l'articolo “ "Provincia sì, Provincia no"”.

Motivazione:
Il lavoro si distingue per l’ottima struttura, la proprietà di linguaggio e la completezza informativa. Gli autori hanno preso spunto da un argomento di carattere nazionale, l’abolizione delle province, per analizzare la sua incidenza in un ambito locale. Per farlo hanno usato al meglio la tecnica dell’intervista, proponendo due diverse fonti di informazione alle quali hanno rivolto domande mirate e significative. Il linguaggio chiaro e la conseguente facilità di lettura rendono il pezzo un eccellente articolo divulgativo.

 

"Provincia sì, Provincia no"

 

Menzione Speciale

Marco Molteni, Giorgia Bellanca, Francesca Ghitti, Martina Verga, Alice Volonterio.
La giuria attribuisce una menzione speciale ai ragazzi della Scuola Media “Falcone Borsellino” di Bregnano che hanno composto articoli sulle vasche di laminazione del Lura.
"Le Vasche di laminazione nella valle del Lura" e "La valle cancellata e ridisegnata".
I ragazzi hanno scelto di trattare un argomento di sicura attualità e interesse locale, presentandolo in modi diversi ma coerenti con la forma giornalistica. Questo riconoscimento vuole premiare il loro impegno nella ricerca e nell’attenzione al territorio, la capacità di analisi del problema e lo spirito di divulgazione che accompagna i loro lavori.

 

"Le Vasche di laminazione nella valle del Lura"

 

"La valle cancellata e ridisegnata"

 

Realtà sociali:

 

fotoPremio a Corrado della Coperativa Sociale "Il Ciliegio" di Vertemate per l'articolo "Diamoci un taglio".

Motivazione:
Racconto fantastico! Divertente, autoironico, con un’originale riflessione conclusiva. Ottimi sia scrittura che ritmo narrativo.
L’autore ripesca un ricordo della giovinezza e ce lo racconta con immagini vivide: la descrizione di Nesso con i suoi fragori d’acqua, l’inverno che vira verso la primavera, i colori, i profumi, le voci della gente del paese, l’allegra accidia che prende i quattro amici al bar… tutto converge a dipingere un quadro realistico, umoristico ma a tratti anche poetico.
L’episodio narrato, ovvero lo scherzo goliardico maturato dal protagonista e dai suoi amici al tavolino di un bar e messo in atto nei confronti di Cecco, un compaesano selvatico e incattivito, diviene lo spunto per una riflessione sulla vita. “Se si fa qualcosa di serio e concreto, qualcosa che vada oltre le chiacchiere – scrive l’autore a distanza di trent’anni – la gente la smette, e probabilmente riflette sui suoi comportamenti”. 
Una penna felice, che mi auguro non si fermi qui.

 

"Diamoci un taglio"

 

Segnalazione per “Tutti pazzi per la scienza” Cooperativa Iris Accoglienza di Gallarate (Va)
Gli autori raccontano la loro esperienza in occasione della Settimana della scienza. Bella l’emozione che trapela per l’indagine dei fenomeni naturali, per le magie della chimica, per il gioco della sperimentazione. Un entusiasmo che contagia perché comunicato con trasporto e sincerità.

 

"Tutti pazzi per la scienza"

 

Sezione pubblicazione

 

Scuole secondarie di I° grado:

 

fotoIl premio è stato assegnato ex aequo agli alunni dell'Istituto Comprensivo “Nazario Sauro” di Malnate per il giornale “"Vedem”" e agli alunni della Scuola Media di Barbengo del Canton Ticino per la pubblicazione "“FLASH"”.

I ragazzi di Malnate hanno fatto una buona analisi di un tema molto difficile e complesso da trattare, la resistenza nel ghetto di Terezìn, campo di concentramento nazista alla periferia di Praga. Sono stati apprezzati lo stile, la corretta stesura e i titoli.

 

"Vedem"

 

Gli alunni di Barbengo hanno saputo centrare lo scopo del giornale scolastico che deve dare voce alle diverse realtà della scuola, raccontate in modo piacevole e interessante. Buoni stile e forma. I titoli non sono sempre vivaci, comunque, pertinenti al testo. Interessante la fusione di argomenti che riguardano ragazzi e docenti.

 

"FLASH"

 

Scuole secondarie di II° grado:

 

Premio al Liceo Scientifico “A. Tosi” di Busto Arsizio (Va).
Per il secondo anno consecutivo la giuria ha ritenuto di premiare la testata “"La voce degli studenti" per la professionalità con cui è stata realizzata, l'efficacia comunicativa, la cura nell'impaginazione e la grafica. Lo spazio dedicato ad argomenti di interesse molto attuale, quali il metodo staminale o la violenza contro le donne, trattati con adeguati approfondimenti, rende la pubblicazione un periodico di grande levatura.

 

"La Voce degli studenti"

 

Premio al Liceo Classico “Ernesto Cairoli” di Varese.
I ragazzi hanno realizzato con freschezza e curiosità la pubblicazione "Il Resto dell'Ernesto" che riporta le notizie della scuola attraverso interviste ad alunni e docenti, senza dimenticare temi importanti attraverso riferimenti a persone del mondo politico attuale e ritratti di personaggi del passato che hanno avuto un ruolo significativo in diversi campi della nostra cultura. Lo spirito che sottende gli articoli, la chiarezza e la capacità di osservare il mondo che ci circonda colgono appieno il senso del “fare giornalismo”.

 

"Il Resto dell'Ernesto"

 

fotoLa premiazione quest'anno è stata presentata da Mauro Sarasso che è riuscito a condurre con leggerezza e simpatia e, soprattutto, a mantenere nei tempi “tecnici” una manifestazione arricchita da molti intermezzi.

fotoIl primo contributo è stato quello di Yelena Fardella e Francesca Rango, alunne della scuola “Sally Mayer” di Cairate, che hanno ballato, con molto ritmo e sicurezza, sulle note di due canzoni Country.

fotoIn seguito Giorgia Cattaneo e Stefania Mattera, sempre della scuola di Cairate, hanno volteggiato leggiadre sulle note di “My Immortal”.

Un altro intermezzo è stato presentato da Stefano Mancon, alla chitarra, e da Nicolas Sito, alla tastiera, che hanno interpretato tre brani molto interessanti.

Poi Melissa Galli, ha cantato il brano “Tra passione e lacrime”.

fotoAnche Mariangela Castelli, l'attrice a cui ogni anno viene affidato il compito di leggere i testi degli articoli premiati, è stata la protagonista di un intermezzo. Ha ricordato con nostalgia l'intensità dei rapporti intercorsi con Severo, dai tempi dell'infanzia trascorsa insieme nel paese di Guanzate a casa dei genitori, dove Severo ha manifestato e consolidato la sua passione per il giornalismo. I rapporti sono proseguiti ad Appiano, dove entrambi si sono trasferiti dopo i rispettivi matrimoni, caratterizzati da frequenti incontri, viaggi e spensierate passeggiate in montagna.

fotoNaturalmente non poteva mancare una esibizione dei padroni di casa. Un gruppo di ragazzi della scuola di musical delle secondarie di Malnate hanno presentato brani tratti dal musical “Il dono del Padre”. In un attimo si sono trasferiti in gran numero sul palco e hanno dato vita ad un ordinato andirivieni tra l'auditorium, il palco e le quinte animando uno spettacolo molto coinvolgente.

fotoNel finale, mentre tutti i ragazzi premiati sono saliti sul palco per le foto di rito, gli organizzatori, ringraziando i presenti per la partecipazione e l'attenzione, hanno dato appuntamento per la prossima edizione del “Premio”.


Maria Chiara Sibilia

 

torna su

Conferimento dei Premi 2013

Sabato 11 maggio, presso il teatro San Francesco ad Appiano Gentile, si è svolta la manifestazione conclusiva della settima edizione del premio di giornalismo "Severo Ghioldi" che ha coinvolto gli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado e gli ospiti delle cooperative sociali delle province di Como, Varese e del Canton Ticino. Durante la cerimonia sono stati conferiti i premi in denaro, consegnati da Aldo Ghioldi, fratello di Severo, i diplomi e le targhe commemorative, donate dai fratelli “Borghi”, orafi di Malnate, amici dai tempi della scuola di Severo.

 

Sezione articolo

 

Scuole secondarie di I° grado:

 

alunni G.BoscoPremio agli alunni dell'Ic "G.Bosco" di Fenegrò per il filmato "Ai confini dell'impero"

Motivazione:
Gli alunni hanno rispettato le indicazioni del concorso – Osservare Amare Descrivere – presentando un documentario che, partendo dalla situazione di divisione tra i 4 comuni di Fenegrò, Cirimido, Limido e Lurago Marinone – racconta in chiave umoristica l’anacronismo dell’esigenza di stabilire dei confini. Gli alunni hanno portato all’esasperazione parossistica l’appartenenza a un comune piuttosto che all’altro e, prendendosi gioco degli stereotipi, hanno saputo evidenziare le assurdità di tale appartenenza. Hanno poi comunicato un messaggio positivo di superamento delle barriere campanilistiche e di presa in carico della responsabilità individuali per il raggiungimento di un bene comune. Buona la tecnica di ripresa e di montaggio e ben riuscito l’utilizzo della musica e del bianco e nero, entrambi simpatici richiami al cinema muto e allo stile “Ridolini”.

 

"Ai confini dell'impero"

 

Menzione per "Monotrilocale"

Realizzato dagli alunni classe III A Istituto comprensivo "G. Bosco" di Fenegrò.

Motivazione:
I concetti "Osservare, amare e descrivere" vengono enucleati a partire da un vissuto personale. Passato, presente e futuro sono stati affrontati in chiave molto creativa e originale. Scavare nel proprio passato attraverso i ricordi dell’infanzia, leggere il presente nelle cose che si amano e immaginare un futuro, per un ragazzo e per una ragazza significa pensare innanzitutto a se stessi e al proprio presente. Tuttavia, la metafora del sé in questo lavoro può diventare utile per comprendere i cambiamenti storici della società, così da acquisire lo schema "decifrare il presente alla luce del passato". Ottimi riprese montaggio e grafica.

 

"Monotrilocale"

 

Scuole secondarie di II° grado:

 

Isabella Garancini Si è aggiudicata il premio  Isabella Garancini del Liceo Scientifico dell'Istituto Orsoline di Como con l'articolo "La voce di Como".

Motivazione:
L'alunna ha rispettato le indicazioni del concorso - Osservare Amare Descrivere - portando a conoscenza dell'improvvisa mancanza di un bene immateriale, la voce del cannone che segna il mezzogiorno dei comaschi, e del vuoto che essa ha generato. La ricostruzione storica delle vicende legate al cannone di Como e al suo funzionamento ha inoltre fatto emergere curiosità e particolari interessanti e poco noti. Articolo ben documentato e ben scritto.

 

"La voce di Como"

 

Menzione per "Perché non si accetta una moschea a Como" di Sarah Abdellaoui del Liceo Giovio di Como.

Motivazione:
L’articolo documenta una situazione discriminatoria e porta a conoscenza di problematiche serie riguardanti il rispetto della nostra Costituzione. La mancanza di un luogo di preghiera per i musulmani di Como pregiudica gravemente l’armonia della convivenza di più tradizioni culturali e religioni.

 

"Perché non si accetta una moschea a Como"

 

Menzione per "Faloppio: ladri inesistenti" di Fabio Giordano del liceo P. Giovio di Como.

Motivazione:
Un pezzo giornalistico dallo stile consono. L’autore dà conto dei fatti concludendo però con un taglio ironico che non guasta. Si direbbe che Fabio ha il piglio del cronista.

 

"Faloppio: ladri inesistenti"

 

Realtà sociali:

 

Il MosaicoIl premio è andato a Bulgarograsso presso la Società Cooperativa Sociale "IL Mosaico", conquistato  grazie all'articolo "Una lettera per te che ti affidi al nostro lavoro".

Motivazione:
Pur non essendo stato redatto nella canonica forma dell’articolo - con un attacco ad effetto, uno sitle cronachistico e una brevità di battute – l’elaborato ha saputo OSSERVARE, DESCRIVERE E sopratutto AMARE con profondità, acume e capacità evocativa. L’autrice non si è limitata a descrivere una situazione di disagio ma è penetrata nella personalità della donna che vive quel disagio; ci ha detto chi è davvero quella persona. Inoltre, pur utilizzando lo stile di una lettera o di un diario intimo, l’articolo tocca indirettamente ma con efficacia le problematiche legate all’assistenza delle persone sole. Se i giornalisti, ogni tanto, mettessero nel loro lavoro un pizzico di umanità e sensibilità in più, ciò gioverebbe senz’altro anche all’efficacia della comunicazione. Complimenti all’autrice.

 

"Una lettera per te che ti affidi al nostro lavoro"

 

Menzione per "Ceramica che scoperta" di Consolaro, La Viola, Muffato, Papa. Istituto Iris accoglienza – Gallarate

Motivazione:
Un’esperienza molto interessante e ben raccontata. Gli autori hanno svolto il lavoro dei cronisti "sul campo". Bravi!

 

"Ceramica che scoperta"

 

Sezione Pubblicazione

 

Scuole secondarie di I° grado:

 

alunni D.AlighieriPremio agli alunni del'Ic "D. Alighieri" di Olgiate Olona per il giornale di classe "L'altro mondo".

Motivazione:
I ragazzi hanno realizzato con freschezza, curiosità e ironia una pubblicazione annuale ritagliata sulle loro esigenze, ma di godibilissima lettura anche per chi vive al di fuori della scuola. Lo spirito che sottende gli articoli, la chiarezza e la sinteticità della scrittura e l’osservazione del mondo con senso critico colgono appieno il senso del “fare giornalismo”.

 

"L'altro mondo"

 

Menzione speciale per "Il Corrierino di Malnate" realizzato dagli alunni Istituto comprensivo "N. Sauro" Malnate (VA).

Motivazione:
Con una veste grafica accattivante la pubblicazione riporta le notizie delle scuole dell’Istituto Comprensivo senza dimenticare temi importanti e la solidarietà con realtà difficili vissute da coetanei di altri paesi. Il giornalino vuole dimostrare come i ragazzi non siano presenze "mute" all’interno della scuola, ma persone con tanta voglia di esprimere le proprie idee.

 

"Il Corrierino di Malnate"

 

Scuole secondarie di II° grado:

 

liceo A. TosiGli alunni del Liceo "A.Tosi" di Busto Arsizio si sono meritati il premio grazie al giornale "La voce degli studenti".

Motivazione:
La pubblicazione si distingue per il suo carattere informativo e divulgativo anche su argomenti di ampio respiro. Il livello qualitativo dei pezzi, l’attenzione alla grafica e all’impaginazione, e il ritmo che accompagna la struttura del giornale lo rendono degno di attenzione anche al di fuori dell’ambiente scolastico.

"La voce degli studenti"

 

Realta' sociali:

 

associazione NéPPremio alla Cooperativa Sociale "NéP" di Como.  Per il secondo anno consecutivo la giuria ha ritenuto di premiare la testata "Oltre il Giardino".

Motivazione:
Per il suo alto livello qualitativo e la professionalità con cui viene realizzato. L’efficacia comunicativa, la cura nell’impaginazione e nella grafica, l’attenta scelta delle immagini, lo spazio dedicato alle fotografie e alle opere artistiche, l’apertura a firme esterne alla redazione ne fanno un periodico di grande levatura e interesse.

 

"Oltre il giardino"

 

Menzione speciale per "Frammenti di Mosaico" realizzato dalla Società Cooperativa Sociale "Il Mosaico".

Motivazione:
Già candidato al premio nelle scorse edizioni, la pubblicazione è cresciuta negli anni, dal punto di vista qualitativo e quantitativo, e si segnala ora per il suo orientamento alla divulgazione e all’informazione.

 

"Frammenti di Mosaico"

 

Antonio FranziLa premiazione, come ogni anno,  è stata presentata da Antonio Franzi che, da bravo professionista, è riuscito a condurre e a mantenere nei tempi "tecnici" una manifestazione arricchita da molti  intermezzi e dal contributo estemporaneo, del resto molto apprezzato, dei soci di "NéP" che hanno recitato una gag e cantato una canzone molto divertente.

 

Carlos & cGli intervalli sono stati gestiti  dalla redazione di Emag, il magazine degli studenti internazionali della sede di Como del Politecnico di Milano e di ciren, start-up del Politecnico che dal 2007 si occupa, per il Polo di Como, degli eventi culturali e di integrazione degli studenti. Il primo contributo è stato quello dell'artista  Carlos Nuňez che ha eseguito alla fisarmonica pezzi columbiani del genere "Vallenato". Il suo intervento ha trasportati tutti quanti, sulle ali di note dolci e nostalgiche, nella sua terra d'origine.

 

Roberto & ManricoIn seguito, Roberto Crimeni e Manrico Zoli, fondatori della rivista e dell'associazione "Dialogo" di Olgiate Comasco, hanno ricordato con nostalgia l'intensità dei rapporti intercorsi con Ghioldi, insieme al sostegno e alla collaborazione che ha saputo dare alle loro iniziative come giornalista e come poeta.  Mariangela Castelli, l'attrice a cui ogni anno viene affidato il compito di leggere i testi degli articoli del premio, ha interpretato alcune poesie dell' amico Severo con la solita intensità e una particolare partecipazione emotiva.

 

poliI ragazzi del Politecnico hanno contribuito a far superare questo momento  melanconico imprimendo una svolta, una nota di festosa freschezza, con la presentazione di emag. Estefany Rey (editor in chief) e Brankica Mitrovikj hanno raccontato la loro esperienza nella redazione multiculturale e hanno presentato, con ironia e simpatia, una ricetta dell'edizione speciale di Emag dedicato alla cucina di tutto il mondo. C'è stata la presentazione delle foto di Comography: people, place and emitions, ossia  Como e il suo lago negli scatti degli studenti universitari.

 

Antonio FranziAlle foto si è sovrapposto un breve spezzone che ha presentato a tutti cos’è il gangnam style. A questo punto nessuno ha potuto evitare di essere coinvolto nel ballo. Maddalena Mombelli, bravissima coordinatrice degli studenti del Politecnico, ha chiesto a tutti i protagonisti dell’evento di salire e distribuirsi sul palco. Tutti quanti erano impegnati nel ballo mentre i ragazzi registravano un video che finirà nel mosaico per la festa di Natale per celebrare il 25esimo anno del Polo di Como del Politecnico di Milano.

 

torna su

Conferimento dei Premi 2012

pubblico

Grande successo di pubblico per la manifestazione conclusiva della sesta edizione del "Premio Severo Ghioldi" per aspiranti giornalisti che si è svolta sabato 12 maggio, presso il teatro s. Francesco, ad Appiano Gentile.

Alunni scuola CairateUn gruppo di ragazzi della scuola secondaria di Primo grado di Cairate (Va) ha affiancato il presentatore storico del premio, Antonio Franzi.

gruppo insegnantiI ragazzi preparati dalle insegnanti Anna Venegoni, Annalisa Macchi e Angelina Desiderio hanno dimostrato sicurezza e grinta da veri professionisti.

 

Il "Premio Severo Ghioldi" promosso dalla Associazione Iubilantes, in collaborazione con la Insubria Media Point: associazione per l'etica nella comunicazione, nasce per incoraggiare la formazione e riconoscere l'attività di giovani che vorrebbero cimentarsi nella realtà dei media ed è riservato a opere inedite di giovani delle Scuole secondarie di primo e secondo grado e alle realtà sociali dedicate ai diversamente abili delle province di Como, Varese e del Canton Ticino.

Un premio per ricordare un uomo che ha dato tanto ai giovani, una persona che ha segnato la cultura e come preside ha lasciato un ricordo indelebile a generazioni di ragazzi e genitori.

Due le sezioni: "Articolo" e "Pubblicazione".

Sul palco del teatro si sono avvicendati i premiati di tutte le sezioni

I testi sono stati letti dall'attrice Mariangela Castelli.

 

Sezione Articolo

Scuole secondarie di I° grado:

 

Martina MinelliMinelli Martina
della scuola media di Morbio Inferiore (Canton Ticino)
Titolo:

 

"Mariuccia Medici"


Motivazioni:

Un racconto che risponde pienamente al tema del Premio Severo Ghioldi in tutte e tre le sue declinazioni: osservare, in questo caso il personaggio Mariuccia Medici, un'attrice teatrale di 101 anni dalla vita entusiasmante; amare questa donna ascoltando quel che ha da raccontare e infine descrivere la sua vita con passione e partecipazione. Lo stile è giornalistico, ha ritmo e dosa bene parti descrittive e discorso diretto. Complimenti all'autrice con l'esortazione a tenere sempre vivi il suo entusiasmo e la sua curiosità.

 

Segnalazioni:
Giorgia Colucci alunna dell'Istituto Comprensivo "Silvio Pellico" di Vedano Olona (Va). Titolo:

 

"L'Insubria, dove il colore della pelle non fa differenza"

 

Scuole secondarie di secondo grado:

 

Martina JacobsMartina Jacobs
del Liceo P. Giovio di Como
Titolo:

 

"A Rotta di collo verso un futuro sempre più incerto"


Motivazioni:
"Sappiamo ancora dove stiamo andando a finire?". Questo il tagliente incipit di questo articolo dai toni molto cupi e quindi in linea con i tempi che stiamo vivendo. L'autrice esprime una critica molto forte a un mondo controllato da forze che non possiamo (o vogliamo) decodificare e criticare, ma che sono calate dall'alto e subite passivamente. L'uomo-marionetta di Pirandello è una immagine efficace, in questo senso. Rimane la potenza della parola. L'ultimo baluardo da difendere. Raccogliamo la speranza dell'autrice e la rimandiamo alle giovani generazioni.

 

Segnalazioni:


Beatrice Rosa Di Leo alunna del Liceo Artistico Frattini (Va). Titolo:

 

"Hai voluto la bicicletta? Ora pedala"

 

Realta' sociali:

 

Gruppo IrisRosa Di Stora e Marco Papa

della "Iris Accoglienza" di Gallarate
Titolo:

 

"Operazione scoiattolo"


Motivazioni:
Un racconto molto interessante e curioso dedicato allo scoiattolo rosso, una specie che sta per essere sopraffatta dallo scoiattolo grigio, e che una equipe di studiosi ha osservato nel parco di Iris Accoglienza a Gallarate. Gli autori hanno osservato i ricercatori all'opera e tratto una bella intervista. Bravi!

 

Segnalazioni:


Associazione "La Finestra" di Malnate (Va). Titolo:

 

"Il Falò di Sant'Antonio tra leggende e tradizioni millenarie"

 

Sezione Pubblicazione

Scuole secondarie di I° grado:

 

Classe IIICClasse IIIC "N. Macchiavelli" di Cadorago (Co)
Titolo:

 

"Il Corriere della IIIC"


Motivazioni:
Una pubblicazione ricca di contenuti originali e diversificati. I testi sono curati e ben confezionati. Divertente e simpatica la rubrica delle lettere. Questo gruppo di giovani redattori si rivela affiatato e attento a quello che succede intorno. Un plauso al loro impegno. Un auspicio per il futuro è una maggiore creatività nell'impaginazione e un pò più di spazio anche all'estro fotografico!

 

Classe IIIGSegnalazioni:
La pubblicazione

 

"Fuori Classe"


presentata dagli alunni della classe IIIG della scuola secondaria di I° grado "N.Sauro" di Malnate.

 

Scuole secondarie di II° grado:

 

liceo E. CairoliLiceo Classico "E. Cairoli" di Varese
Titolo:

 

"Il resto dell'Ernesto"


Motivazione:
Il giornale ha contenuti molto ricchi e ben redatti. Gli spunti sono sempre originali, frutto di riflessioni personali e ben indirizzati verso la critica sociale e di costume. Benissimo la parte letteraria e poetica e molto curate anche le pagine dedicate alla lettura e alla musica. Una redazione così preparata potrebbe affrontare anche un lavoro di inchiesta giornalistica e questo è l'auspicio per il futuro. La grafica è pulita ed essenziale. Lasciate andare più a briglia sciolta anche la fantasia dei grafici e degli illustratori!

 

Segnalazioni:
La pubblicazione

 

"La libellula"


presentata dagli alunni del Liceo Cantonale di Bellinzona.

 

Realta' sociali:

 

associazione NéPAssociazione NéP di Como
Titolo:

 

"Oltre il giardino"


Motivazioni:
Una pubblicazione sempre attenta alle dinamiche di un pensiero apparentemente ai margini, ma che in realtà rivela l'essenza del nostro vivere. La grafica è sempre superlativa. Speriamo che possa continuare la sua opera di sensibilizzazione anche in questo momento di crisi. Se tanti giornali inutili sopravvivono perché questo così interessante e stimolante deve scomparire?

 

Segnalazioni:
Per la pubblicazione

 

"Venti … di Mosaico"


presentata dalla cooperativa "Il Mosaico" di Bulgarograsso (Co).

Scuola Sally MayerL’intermezzo preparato dai ragazzi della Scuola Sally Mayer di Cairate è stato all'altezza delle aspettative: due musicisti ed una ballerina.

E.MagIn coda al programma la presentazione di E.MAG – il magazine degli studenti internazionali del Polo Comasco del Politecnico di Milano illustrato da Gianmaria Borgonovo Editor in Chief dell'edizione 2012.

PremiatiTutti i presenti hanno mostrato grande interesse per la manifestazione che si è conclusa con un gran finale che ha visto tutti i vincitori sul palco.

 

torna su

Conferimento dei Premi 2011

Sabato 7 maggio 2011 alle ore 16.00 presso il teatro S. Francesco di Appiano Gentile (Co) si è tenuta la manifestazione conclusiva del Premio Severo Ghioldi giunto alla sua quinta edizione.

Un ruolo importate è stato svolto dai ragazzi della Scuola Media di Malnate: sono stati i presentatori e gli animatori della manifestazione e hanno avuto il grande onore di consegnare i premi ai vincitori loro coetanei.

Il riconoscimento a carattere culturale, è riservato a opere inedite di giovani delle Scuole Secondarie di Primo e Secondo Grado ed alle realtà sociali dedicate ai diversamente abili del territorio delle province di Como, Varese e del Canton Ticino.

I premi assegnati (300 euro ciascuno, una targa offerta dai Fratelli Borghi) sono stati consegnati nell'occasione. Tutti i numerosi partecipanti hanno ricevuto un attestato.

Il premio è patrocinato dalle Province di Como e di Varese, dai Comuni di Appiano Gentile, Cairate, Como, Guanzate e Malnate, dagli USP di Como e Varese, dalla Divisone Scuola della Repubblica e cantone Ticino.

Severo Ghioldi, Preside a Malnate, educatore e giornalista, scomparso nel 2005, ha dedicato gran parte della propria attività ai giovani, non solo fornendo loro un limpido esempio di impegno professionale, di passione civile e di rigore morale ma anche aiutandoli costantemente nell’ambito scolastico, incoraggiandoli, sostenendoli e valorizzandoli nello sviluppo della loro personalità.

Molti i giovani che hanno partecipato con elaborati belli e significativi.

"Oggi che i quotidiani vanno perdendo sempre più il loro tradizionale ruolo formativo, e di contro l’informazione assume un’importanza sempre maggiore per la società, il compito di formare i giornalisti di domani è demandato alle scuole e alle università. Un premio come questo, diventa quindi un importante momento di verifica per i ragazzi, nonché un’opportunità di valorizzare i migliori, nel segno della meritocrazia pure molto cara a Severo. Leggendo gli articoli che ci hanno mandato da tante scuole, spesso mi è sembrato di avere accanto il mio amico Seve. E mi sono stupito insieme a lui delle storie e dei personaggi della nostra amata terra insubre, che questi giornalisti in erba ci hanno fatto scoprire".

Dal messaggio di Pietro Berra, Presidente della Commissione Giudicatrice in occasione della premiazione del 2010.

 

Motivazioni delle opere premiate

Vincitori premio SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO -
Sezione articolo

Premio a

 

"Lungimiranza e coraggio di un preside riformatore"


autrici: Noemi Bompiano, Lucrezia Daniele, Anna Ghielmi, Sara Olivieri alunne della classe 3^ A dell' Istituto Comprensivo "N.Sauro" di Malnate (Va)

Motivazione: "La curiosità, dote fondamentale per un buon giornalista, ha spinto quattro alunne della media di Malnate a chiedersi chi fosse il Severo Ghioldi cui questo premio è intitolato e ad approfondire sul campo, attraverso testimonianze e interviste, il suo lato meno noto al pubblico, quello di innovatore della scuola. Con questo articolo, le giovani penne di Malnate hanno dato dei punti ai giornalisti veri, che in passato si sono concentrati soprattutto sul Ghioldi poeta e articolista".

 

Segnalazioni per:
"Com'era freddo il nostro cuore: in onore della giornata della memoria" - autrice: Fiammetta Gianfrate alunna della classe 3^C dell'Istituto Comprensivo "Anna Frank" di  Varese.

 

"Campione europeo di marcia a 75 anni"

 

autrici: Susanna Brusa e Greta Greppi  alunne della classe 1^A del'Istituto Comprensivo "N.Sauro" di Malnate (Va)

 

Vincitori premio SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO -

Sezione pubblicazione
Premio a

 

"Corriere di Lora"

 

autori: alunni dell'Istituto Comprensivo di Lora (Co)

Motivazione: "Un mix di argomenti molto ben bilanciato è la caratteristica peculiare di questo giornalino, come lo dovrebbe essere di qualsiasi giornale degno di tal nome. Si apprezza la rilettura originale di un tema come il Risorgimento. E il fatto che, oltre al diritto di cronaca, i ragazzi abbiano brillantemente esercitato anche quello di critica, mettendo in evidenza alcuni problemi della loro scuola che meriterebbero più attenzione da parte degli enti pubblici".

 

Segnalazioni per:

 

"The 2° C Times"

 

autori: alunni della classe 2^ C dell'Istituto Comprensivo di Cadorago (Co)

 

"Media Viva"

 

autori: alunni della Scuola Media Ambrì (Ch)

 

Vincitori premio SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO - Sezione articolo:
Premio a

 

"Lago palestra di vita"

 

autrice Lisa Mazzon alunna della classe 4^ A del Liceo Giovio di Como

Motivazione: "Il canottaggio non è solo uno sport, ma, per chi lo pratica sul lago di Como, anche una cultura antica e, soprattutto, un'emozione sempre nuova. Nell'articolo questi tre aspetti sono mescolati sapientemente e sono supportati da uno stile efficace che rende la lettura leggera e scorrevole come le barche che scivolano sulla superficie del Lario".

 

Segnalazioni per :

 

"Francesco Anzani"

 

autore: Luca Giacolone alunno della classe 3^ edili due dell'Istituto"Magistri Cumacini" di Como.

 

"La Funivia"

 

autore: Andrea Ceschina alunno della classe 3^ edili due dell'Istituto"Magistri Cumacini" di Como


Vincitori premio SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO - Sezione pubblicazione:


Blog on line "La vispa Teresa"

 

autori : alunni del Liceo "Teresa Ciceri" di Como
Motivazione: "Continueranno ad esistere i giornali e i giornalisti nell'era di Internet? Forse sì, se si sapranno adeguare i contenuti e la qualità dell'informazione alle nuove tecnologie, come hanno dimostrato di saper fare le alunne e gli alunni del liceo "Teresa Ciceri" nel loro blog"


Vincitori premio REALTA' SOCIALI  - Sezione articolo:
Premio a

 

"La vecchia Brianza"


autrice Giuditta per la Società "LA VILLA" di Guanzate (Co)
Motivazione: "Un ritratto dalla Brianza fatto dall'interno, cioè da chi ha vissuto a fondo e con passione questa terra. La partecipazione, in questo caso, non è un limite all'oggettività dell'autrice, ma anzi è ciò che rende vivo e interessante questo pezzo, distinguendolo da molte altre rivisitazioni, bozzettistiche e insipide, dei tempi che furono" .

 

Segnalazione per:

 

"Presepi a casa Menarbin"

 

autore: Daniele Menarbin per  la Coop. Soc. Onlus "IRIS ACCOGLIENZA" di Gallarate (Va)


Vincitori premio REALTA' SOCIALI - Sezione pubblicazione:
Premio a

 

"Oltre il giardino"

 

autori: i componenti della redazione dell'Associazione Nèp Onlus di Como
Motivazione: "Passione, competenza e professionalità fanno di questa pubblicazione molto più di un giornalino. Si tratta, infatti, di un ottimo esempio di giornalismo sociale, dalla parte di una categoria a lungo emarginata, quella dei malati psichici, con i quali tre professionisti (il fotoreporter Gin Angri, il poeta-giornalista Mauro Fogliaresi e il grafico Tomaso Baj) hanno condiviso un percorso ultradecennale".

 

Segnalazione per

 

"Insieme"

 

autori: i componenti della redazione della Coop. Soc. Onlus "IRIS ACCOGLIENZA" di Gallarate (Va).

 

torna su

Motivazioni delle opere premiate

REALTA' SOCIALI - SEZIONE ARTICOLO

1° Premio

 

Per le rime

 

soc. coop. Il Mosaico

MOTIVAZIONE: non è facile rendere sulla carta l’emozione di un incontro e l’essenza del personaggio che si è avuto il privilegio di incontrare. I ragazzi della coop. Soc. Il Mosaico ci sono riusciti perfettamente, consegnando alle stampe un’intervista dal ritorno incalzante, che coglie gli aspetti fondamentali del poeta Vito Trombetta e dell’ambiente, il lago di Como, che fa da sfondo alla sua vita e alla sua opera.

Segnalato:

 

L'associazione + di 21 tanti... troppi cromosomi

 

Rita Pellizzato per Iris Accoglienza


REALTA' SOCIALI - SEZIONE PUBBLICAZIONE

1° Premio

 

Pi greco

 

Associazione "La Villa"

MOTIVAZIONE: più che un giornalino, questo è un giornale vero, un "foglio" di quattro pagine che utilizzando in maniera appropriata e intelligente le varie tipologie di articolo giornalistico, dall’editoriale all’intervista, illustra in maniera efficace la realtà della cooperazione e quella del lavoro. Accurata, e professionale, anche la titolazione.

 

Segnalato:

 

“Mille raggi” Il millepiedi onlus


SECONDARIE DI PRIMO GRADO - SEZIONE ARTICOLO

1° Premio

 

Team Ticino, una realtà sempre più importante


MOTIVAZIONE: l’articolo è chiaro e ben documentato, ovvero abbina due caratteristiche fondamentali del buon giornalismo. Con un’esposizione sintetica ed efficace, sostenuta da dati e riferimenti precisi, consente anche a un lettore a digiuno delle vicende calcistiche svizzere di apprezzare l’attività del Team Ticino.


SECONDARIE DI PRIMO GRADO - SEZIONE PUBBLICAZIONE

1° Premio

 

Il Grillo parlante

 

Istituto "Manzoni"

MOTIVAZIONE: i giovani redattori dell’istituto comprensivo di Castellanza denotano una caratteristica fondamentale del buon giornalista, la curiosità, che li ha spinti ad indagare la realtà che li circonda. Apprezzabile anche la varietà dei temi affrontati e delle forme giornalistiche utilizzate, dal raportage alla recensione, dall’intervista alla rubrica delle lettere.

 

Segnalati:

 

"La Classe"

Ic Cadorago

 

"Macchia d'inchiostro"

Ic Cairate


SECONDARIE DI SECONDO GRADO - SEZIONE ARTICOLO

1° Premio

 

L'arte di sognare

 

Martina Bellinzona

MOTIVAZIONE: l’autrice abbina doti da giornalista "di costume" e da giornalista "di strada", che le consentono di portare all’attenzione del lettore un fenomeno vitale, quello dei giocolieri che riempiono di colori un grigio parcheggio della città, probabilmente ignorato dai più. Meritano un plauso anche lo stile frizzante e gli azzeccati riferimenti ai grandi artisti circensi del passato.

 

Segnalati:

 

Ticosa: un'occasione da non perdere

di Simone Tettamanzi

 

Il problema cinema a Como

di Matteo Larghi

 

Il triste volto del Carnevale

di Viola Martinelli


SECONDARIE DI SECONDO GRADO - SEZIONE PUBBLICAZIONE

1° Premio

 

La coda del diavolo

Liceo "Volta"

 

MOTIVAZIONE: l’attenzione per la realtà mondiale, per quella italiana e per quella locale si fondono in modo equilibrato in questo giornalino, che si fa apprezzare anche per l’impostazione grafica pulita e curata. Un’ampia sezione letteraria e musicale, all’insegna della critica militante, completa e arricchisce la pubblicazione.

 

torna su

Terza edizione del Premio "Severo Ghioldi" per giovani giornalisti di Maria Chiara Sibilia

 

9 maggio 2009

Anche quest'anno ha avuto molto successo di pubblico la manifestazione conclusiva  del premio di giornalismo istituito per ricordare Severo Ghioldi, preside, giornalista e poeta  appianese, scomparso nel 2005,  che aveva dedicato gran parte della propria attività ai giovani. Il concorso, promosso da due associazioni di cui Severo era socio, Iubilantes e Insubria Media Point,  è  patrocinato da numerosi enti delle Province di Como e Varese. Il premio è nato per incoraggiare la formazione e riconoscere l’attività di giovani che vogliono cimentarsi nella realtà della carta stampata. Quest'anno è stato riservato a opere inedite di alunni delle scuole secondarie di primo e di secondo grado e agli ospiti delle realtà sociali che operano con i diversamente abili delle province di Como, Varese e del Canton Ticino.


I partecipanti hanno inviato un articolo relativo a un personaggio, un problema, un evento che descrive la realtà del  territorio a cui Severo era molto legato, oppure una serie di 6-12 immagini che documentano luoghi, percorsi storici e monumenti a rischio di degrado da tutelare e valorizzare.


Il giorno 9 maggio 2009, alle ore 16, presso il teatro San Francesco di Appiano Gentile si è svolta la cerimonia di premiazione, durante la quale sono stati conferiti i premi in denaro di 300 euro ai primi classificati di ogni sezione, diplomi e  targhe commemorative.


La manifestazione, presentata dal giornalista Antonio Franzi, ha avuto inizio con un omaggio floreale ad Arianna Limoncello, alunna della Scuola Media di Balerna, come prima partecipante al Premio provienente dal Canton Ticino. Gli organizzatori, felici di aver avuto finalmente un rappresentante della Svizzera Italiana, hanno pensato di  proporre una lirica di Luigi Pirandello intitolata "Il lago di Lugano", letta dall'attrice Mariangela Castelli e documentata dalle bellissime immagini di Sergio Banfi.

 

Sempre amai questo lago or fosco
ed ora morbido, come azzurro vel di seta.
Ecco un battello pieno d'allegra gente
in su l'aperta tolda.
Già di porpora il sol veste le spalle
dei monti attorno; ai recalcitranti raggi
ridon tra il verde gli umili villaggi
del monte Bre, de la quieta valle
del Cassarate. Razzano da lunge,
qual per interno incendio, le finestre
fiorite, e giù da l'oratorio alpestre,
da le chiesette attorno al lago, giunge
il suon de l'Ave.

 

Prima di procedere alle premiazioni il giornalista Mauro della Porta Raffo ha ricordato Indro Montanelli nel decimo anniversario della sua scomparsa.  Severo, grande ammiratore di Montanelli, lo considerava un maestro, un riferimento importante per i suoi interessi giornalistici e storici.


Il premio per la sezione "Articolo" destinato agli alunni delle scuole primarie di I grado è stato assegnato a Luca Canavesi, alunno dell'Istituto Comprensivo di Cairate per l'articolo "La valle Olona: ridiamole dignità". Il premio destinato agli alunni delle scuole primarie di II grado  è stato conferito ad una classe intera, la 1H del Liceo "Volta" di Como per l'articolo intitolato "Aula Benzi". Pietro Berra,  presidente della Giuria, ha giudicato questo articolo meritevole di essere pubblicato sulle pagine del quotidiano "La Provincia di Como". Così gli alunni hanno avuto la soddisfazione di leggere il proprio articolo sulle pagine di un vero giornale.


Per il premio della Sezione "Fotoreportage" si è tornati a Cairate. Infatti il vincitore, Alberto Marcolli, è un alunno dell'Istituto Comprensivo di Cairate. Non è casuale che la Scuola di Cairate primeggi in tutte le edizioni e le sezioni del Premio. Forse perchè Severo Ghioldi,  preside di quella scuola per una quindicina d'anni, ha curato in modo particolare la formazione giornalistica dei suoi ragazzi, istituendo una redazione formata da docenti e alunni che provvede alla pubblicazione di un periodico. Da allora esiste a Cairate un centro di formazione all'avanguardia nel campo giornalistico.


Per il premio Sezione "Articolo" destinato agli ospiti di realtà sociali abbiamo avuto un ex-equo. A dividersi il premio sono state le associazioni "Iris accoglienza" di Gallarate e "La Finestra" di Malnate.
Dopo l'omaggio al lago di Lugano gli organizzatori hanno pensato di dedicare ai partecipanti delle province di Como e di Varese due liriche che celebrano le bellezze dei due laghi più belli della Lombardia, il Lario e il Verbano. Le parole, affidate alla bravura dell' attrice Mariangela Castelli, sono state accompagnate da suggestive immagini  scelte dal  fotografo e regista Sergio Banfi.


Il primo testo è tratto da "Passeggiate Lariane" di Carlo Linati, il grande scrittore comasco di romanzi e racconti, soprattutto noto come descrittore, pittore di paesaggi più che di figure:

All'aprirsi della stagione il lago si fa pieno di sorprese. Le barchette che inutili hanno svernato lungo la sponda cominciano a scimare sull'acqua: i canottieri, ottrigger a otto o jole a quattro, si provano sul miglio, bicipidi al vento, dietro l'ooop! del timoniere. L'acqua che ha perso il livido dell'inverno, si tinge di cilestro, specchia nelle prime assolate gridi e voli, i monti metton fuopri un timido verde e arriva più chiaro all'orecchio il teuf teuf dei motori.

 

L'autore dell'altro testo è Stendhal, che scese per la prima volta in Italia nel 1800 al seguito di Napoleone. Attraverso la Svizzera giunse nella regione dei laghi, dal cui fascino il suo animo romantico fu subito rapito:

Il mio spirito,desideroso di trovare un luogo dove il sentimento del bello trovi appagamento, lo ha finalmente incontrato nel paeseggio tra Varese e Laveno. Vedevo quel bel lago aprirsi sotto il mio sguardo, mentre il suono delle campane spandeva una musica che, accompagnando le mie idee, dava loro una fisionomia sublime. In quel momento, credo, mi sono sentito molto vicino alla felicità. Immaginati un lago semicircolare, lungo una quindicina di leghe, dove la parte verso Milano, o meglio verso Boffalora, è cicondata da deliziosi poggi. Il Ticino, fiume superbo, defluisce da questa parte del lago. Man mano che si avanza in queste onde tranquille, le collinette diventano montagne. Queste sponde sono tranquille; poche case, nessuna coltivazione.

 

Il Comitato organizzatore
Presidente :    Maria Chiara Sibilia
Consiglieri:    Mauro Sarasso, presidente dell’Associazione Media Point
Ambra Garancini, presidente dell’Associazione Iubilantes

Le Commissioni giudicatrici

Presidente : Pietro Berra, poeta e giornalista
Componenti della sezione articolo  : Mauro  Della Porta Raffo,  Simone  Rasetti, 
Antonio  Franzi,  Maurizio  Canetta,  Silvia
Bottinelli, Carla Colmegna, Delia Parrinello

Componenti della sezione reportage: Gin Angri, Luisella Monti Radice, Giorgio
Lotti, Carlo Pozzoni

 

I vincitori della Terza edizione

Scuole secondarie di primo grado
Sezione articolo
Il vincitore è Luca Canavesi (Istituto Comprensivo di Cairate) con l’articolo

 

La valle Olona: ridiamole dignità


E' sempre rischioso, anche per i giornalisti affermati, esporsi in prima persona, passando dalla cronaca all'articolo di fondo. Il rischio è tanto più elevato, quando si trattano temi globali come la tutela dell'ambiente. Nel suo pezzo Luca Canavesi evita abilmente queste "trappole", raccontando una piccola storia personale, e familiare, senza indulgere in toni patetici o eccessivamente malinconici. E lancia un appello, sintetico ed efficace, per il recupero di un importante polmone verde.

 

Alunni segnalati:


Arianna Limoncello (Scuola Media di Balerna) con l'articolo

"Un cartellone per ricordare lo stop alla violenza durante il carnevale"


Anna Mascheroni  (Istituto Comprensivo di Cairate) con l'articolo

"Calabria–Insubria: solo andata"

 

Laura Milceri Bausotto, Marta Poletti, Linda Radice e Gaia Viggi (Istituto comprensivo di Lora) con l'articolo

"Il tesoro che giace sotto la nostra scuola"

 

Sezione reportage:
Il vincitore è Alberto Marcolli (Istituto Comprensivo di Cairate) con il reportage "Alla riscoperta della Valmorea"
E' indubbiamente bello il lavoro di Alberto Marcolli. Ha innanzitutto giocato a suo favore, visto l'argomento, aver fatto le foto con la neve. Ma si coglie anche una ricerca per costruire un discorso non banale con didascalie intelligenti e ironiche.

 

Alunni segnalati:
Sara del Giudice (Istituto Comprensivo di Cairate) con il reportage

"Otto scatti alla ricerca di … Cairate"

 

Scuole secondarie di secondo grado
Sezione Articolo

Vince la classe 1H (Liceo Classico "A.Volta" di Como) con l’articolo

Aula Benzi


La dote che spesso fa la differenza tra un giornalista e un non giornalista è la curiosità. Spinta da questa, una classe del liceo classico Volta scova una notizia nell'aula magna della scuola: la notizia è proprio quell'aula, in tempi passati biblioteca della città di Como, e ora dimenticata dai più e in parte inagibile. Esercitando con acume e completezza il diritto di cronaca e di critica i liceali sollevano un problema che può essere di stimolo per le pubbliche amministrazioni, affinchè intervengano per evitare lo scempio di uno spazio storico e prezioso.

 

Alunni segnalati:
Francesca Messaggi (Liceo Classico "A.Volta" di Como) con l'articolo

"Molto più di un portinaio"

 

Nicola Salvati e Martina Eguaglia (Istituto Tecnico "Tosi" di Busto Arsizio) con l'articolo
"Pollicino torna sulla strada giusta"

Realtà Sociali
Sezione articolo

Vincitori ex-equo :
"Associazione Iris Accoglienza" di Gallarate con l'articolo

Che Rioni

 

"Associazione La Finestra" di Malnate con l'articolo

La Finestra compie 25 anni... è un albero in crescita


Iris e La Finestra non perdono tempo nel reclamare spazi e considerazione. Operatori e ospiti si mettono in gioco osservando, pensando, informando e raccontando, per nulla rassegnati ad assorbire passivamente osservazioni, pensieri, informazioni e racconti di altri. Un piccolo grande impegno che può finalmente incrinare la cultura del "vi diciamo noi chi siete e cosa volete", malcostume imperante nella stragrande maggioranza delle iniziative dedicate ai disabili per parlare delle problematiche dei disabili, in cui si pensa più al buffet che a rendere partecipi i disabili. Al primo passo compiuto nella scorsa edizione del "Premio Severo Ghioldi" dalla Cooperativa "La Finestra" segue ora il secondo dell' "Iris", il cammino è iniziato. Nessuno si permetta di fermarlo.

 

torna su

Seconda edizione del Premio "Severo Ghioldi" per giovani giornalisti di Maria Chiara Sibilia


10 maggio 2008

Grande affluenza di pubblico alla seconda manifestazione  del premio di giornalismo istituito per ricordare Severo Ghioldi, preside, giornalista e poeta  appianese, scomparso nel 2005,  che aveva dedicato gran parte della propria attività ai giovani.

Il concorso, promosso da due associazioni di cui Severo era socio, Iubilantes e Insubria Media Point,  è  patrocinato da numerosi enti delle Province di Como e Varese. Il premio è nato per incoraggiare la formazione e riconoscere l’attività di giovani che vogliono cimentarsi nella realtà della carta stampata. E’ riservato a opere inedite di alunni delle scuole secondarie di primo e di secondo grado delle province di Como, Varese e del Canton Ticino.

I partecipanti hanno inviato un articolo relativo a un personaggio, un problema, un evento che descrive la realtà del  territorio a cui Severo era molto legato, oppure una serie di 6-12 immagini che documentano luoghi, percorsi storici e monumenti a rischio di degrado da tutelare e valorizzare.

Il giorno 10 maggio 2008, alle ore 16, presso il teatro San Francesco di Appiano Gentile si è svolta la cerimonia di premiazione, durante la quale sono stati conferiti i premi in denaro, 300 euro ai primi classificati e 200 ai secondi classificati, i diplomi e le targhe commemorative alla presenza dei primi cittadini di Guanzate e di Appiano Gentile e al Dirigente dell’Ufficio Scolastico di Como, Benedetto Scaglione.
La manifestazione si è sviluppata intorno a due cammini inanellati tra loro, documentati dalle bellissime fotografie di Sergio Banfi.  Il primo riguardava i luoghi legati alla vita e alle attività svolte da Severo. Il secondo si è costruito attraverso gli elaborati dei ragazzi premiati.
Alle prime immagini dedicate al Viale alla Madonna di Guanzate, paese natale di Severo, sono state abbinate le sue parole :

La strada è oggi secondaria, ma non secondaria è l’importanza che ha sempre avuto. Un punto fermo nel  paesaggio dell’anima locale, di cui si alimenta la "guanzatesità". Una lunga siepe, un viale ondulato, un piazzale aperto: simboli da cogliere con la leggerezza di un particolare, la grazia di una sfumatura.

Molto affezionato al suo paese, Severo è stato, negli anni '60 e '70, un instancabile animatore culturale. Ha fondato un circolo culturale, ha dato vita ad un periodico e, nel ruolo di assessore, ha dato inizio alle attività della biblioteca comunale. Le sue proposte sono state definite tanti sassi lanciati nello stagno. Ha portato un’ondata di novità nel tranquillo tran tran del suo paese.
Con la sua  grande capacità di sintesi, l’innato dono di accostare parole che sembravano staffilate, spesso provocava reazioni vivaci. Si divertiva a condensare in poche parole paradossi e contraddizioni. Per lui era un gioco. Non si prendeva sul serio e si stupiva se gli altri equivocavano le sue intenzioni.
La vita professionale lo ha portato poi a Fenegrò, a Cairate e infine a Malnate. Il suo passaggio ha lasciato ovunque una traccia significativa. Anche se gli avvenimenti   lo hanno condotto a vivere ad Appiano, Severo  non ha mai dimenticato le sue origini guanzatesi.  Al suo cammino, durante la manifestazione del 10 maggio, è stato accostato un altro percorso. Un festoso "girovagare" tra le Province dell’Insubria, attraverso i racconti dei vincitori del premio.
La partenza è avvenuta dal grazioso paese di Gravedona con le immagini di Alessandro Scuri, un personaggio eclettico, inventore di una monoruota con cui si esibiva nei circhi, di cui Sara Benaglio, vincitrice del secondo premio, alunna del locale Istituto Comprensivo, ha raccontato vita e miracoli utilizzando l’espediente dell’intervista impossibile.
Siamo rimasti sulle rive  del nostro lago, a Faggeto Lario, per la presentazione dell’articolo che si è aggiudicato il primo premio per la sezione della scuola secondaria di primo grado. Racconta la storia di due amici "spaccapietre". Giuliano Egizio, alunno dell’Istituto comprensivo Como-Borghi, è riuscito a riportarci in un mondo perduto, quello di mestieri antichi che stanno sparendo.

Doverosa, a questo punto, una sosta a Como. L’occasione è offerta da Barbara Orlando, alunna del liceo scientifico "Paolo Giovio",  vincitrice del secondo premio della sezione articolo. Le immagini sono quelle dei graffiti che spiccano sui muri dei palazzi e delle case cittadine. Barbara, con stile da opinionista consumata, ha dato una lettura non banale del fenomeno dei writing. Una violenza alle tradizioni di "rispetto e ordine" che si può vincere solo ascoltando e cercando di capire i giovani.

Abbandonata la città di Como ci siamo  trasferiti nell’altra Provincia. Dopo aver superato il lieve confine ci troviamo a Cairate, alla riscoperta della Cartiera "Vita-Mayer". Famosa in tutta Italia per la lavorazione della carta leggera, nel 1976, dopo un’ esondazione dell’Olona, chiuse i battenti. Oggi giace tristemente nell’abbandono. Lisa Stievani, alunna dell’Istituto Comprensivo di Cairate, ha scelto questo stabile per un reportage fotografico con il quale si è aggiudicata il primo premio della sezione. Il riconoscimento le è stato conferito per la freschezza delle immagini che, corredate da efficaci didascalie, hanno saputo focalizzare l’attenzione sul degrado in modo garbato e incisivo. 

Infine si approda ad Olgiate Olona, dove troviamo la vincitrice della sezione articolo per le scuole secondarie di secondo grado. E’ Francesca Sharon Colombo, alunna dell’Istituto Commerciale E. Tosi, che racconta una storia delicata, quella di una sua compagna di classe rimasta incinta.
"Io mamma a 14 anni" è il titolo di questo racconto che la vincitrice del premio ha delineato con sensibilità e misura. Da buona cronista ha saputo incuriosire il lettore, evitando tanto i toni scandalistici quanto di indulgere nel facile moralismo.

Infine si giunge a Malnate, anello di congiunzione dei due cammini, per consegnare un premio speciale.
Il premio viene conferito alla redazione della cooperativa sociale "La finestra". L’articolo premiato, che tratta il tema dello sport per disabili, descrive una iniziativa portata avanti con tanto entusiasmo e passione dal giornalista Roberto Bof, che lui stesso definisce "una pazzia affascinante … una rara occasione per promuovere la pratica sportiva tra i disabili". Si tratta di una serata aperta a tutti, dove sono invitate le autorità e le associazioni  legate al mondo dello sport e disabilità di Varese e Provincia.

Come organizzatori non potevamo fare a meno di accogliere questo messaggio. Abbiamo così deciso di inserire, nel bando della prossima edizione del concorso, una sezione dedicata alle associazioni che operano con i ragazzi diversamente abili.
Le ultime immagini del pomeriggio, le vedute più suggestive del paese di Appiano Gentile, sono state accompagnate  dalle parole che lo scrittore lariano Carlo Linati ha dedicato a questi luoghi:

Il borgo si raggruppa in basso intorno a una vecchia e lunga piazza rettangolare. Il colle è veramente un incanto d’aria pura e vibrata. Pare il colle dell'infinito, dell'infinito lombardo. Ad ovest ed a est tutta la Lombardia settentrionale si dispiega allo sguardo con le sue campagne galoppanti a perdifiato, mentre dall'altro versante del colle v'affacciate sulla vista dell'immenso pineto, la più vasta cantata d'alberi di tutta la Lombardia.

 

Il Comitato organizzatore
Presidente : Maria Chiara Sibilia
Consiglieri: Mauro Sarasso, presidente dell’Associazione Media Point Ambra Garancini, presidente dell’Associazione Iubilantes

Le Commissioni giudicatrici
Presidente : Pietro Berra, poeta e giornalista
Componenti della sezione articolo : Mauro Della Porta Raffo, Simone Rasetti, Antonio Franzi, Maurizio Canetta, Silvia Bottinelli, Carla Colmegna, Delia Parrinello
Componenti della sezione reportage: Gin Angri, Luisella Monti Radice, Giorgio Lotti, Carlo Pozzoni

 

I vincitori della Seconda edizione

Scuole SECONDARIE DI I° GRADO – Sezione articolo
1° classificato Giuliano Egizio con l’articolo

Gli ultimi cavasass e picapreda del Lario


Motivazioni: Come in un reportage da grande inviato, l’autore riesce a trasportarci per qualche minuto in un mondo perduto, quello dei mestieri antiche che hanno fatto la storia del Lario e ora vanno scomparendo.

2° classificato Sara Benaglio con l’articolo

Gravedona 1940: incontro con Alessandro Scuri


Motivazioni: L’autrice ci racconta vita e miracoli di un personaggio del lago che è morto 60 anni fa e che molti hanno dimenticato, utilizzando l’espediente dell’intervista impossibile, condotta con garbo e brillantezza.

 

Scuole SECONDARIE DI I° GRADO – Sezione reportage:
1° classificato Lisa Stievani  con il reportage

"Alla scoperta della cartiera Vita-Mayer"

 

Motivazioni: La freschezza delle immagini che, adeguatamente corredate da sintetiche, ma efficaci didascalie, in nove fotogrammi in appropriata sequenza hanno saputo focalizzare l’attenzione sul degrado in modo garbato e incisivo comprensibile da tutti. Messaggio centrato.

 

Scuole SECONDARIE DI II° GRADO

1° classificato Francesca Sharon Colombo con l’articolo

Io mamma a 14 anni

 

Motivazioni: Racconta con sensibilità e misura la storia di una ragazzina che è rimasta incinta e ha scelto di non abortire. Da buona cronista sa incuriosire il lettore, evitando tanto i toni scandalistici quanto di indulgere nel facile moralismo.

 

2° classificato Barbara Orlando con l’articolo

Writing: la mafia dell’emozione

 

Motivazioni: Con stile da opinionista consumata, dà una lettura non banale del fenomeno dei writing: una "violenza" alle tradizioni di "rispetto e ordine" che si può vincere solo ascoltando e capendo i giovani.

 

torna su

Prima edizione del Premio "Severo Ghioldi" per giovani giornalisti

 

Entusiasmo delle grandi occasioni presso la sala consigliare nella Villa Rosnati ad Appiano Gentile (Co), dove nel pomeriggio del 5 Maggio 2007 sono stati premiati i vincitori della Ia edizione del "Premio Severo Ghioldi per giovani giornalisti".

Presenti le autorità, i giornalisti, gli organizzatori e centinaia tra partecipanti al concorso, genitori ed insegnanti. Il premio era per ricordare un uomo che ha dato tanto alla Scuola e ai giovani, una persona che ha segnato la cultura e come preside ha lasciato un ricordo indelebile a generazioni di ragazzi.

Parliamo di Severo Ghioldi al quale è stato intitolato un Premio per giovani giornalisti. L'idea del premio è nata da una felice intuizione di Pietro Berra, giornalista e poeta, volta ad offrire alla comunità delle province di Como, Varese e del Canton Ticino lo stimolo per un momento culturale di alto profilo.

Il "Premio Severo Ghioldi" promosso dalla Iubilantes (Organizzazione di Volontariato Culturale onlus), in collaborazione con la Insubria Media Point, associazione per l'etica nella comunicazione, vuole incoraggiare la formazione e riconoscere l'attività di giovani che vorrebbero cimentarsi nella realtà dei media della carta stampata.

Il riconoscimento a carattere culturale, è riservato a opere inedite di giovani delle Scuole Medie Inferiori e Superiori del territorio delle province di Como, Varese e del Canton Ticino. Il territorio insubrico - in particolare le province di Como, (dove Severo Ghioldi era nato e ha vissuto), di Varese, (dove ha operato), come professionista nel Canton Ticino, (che amava ed apprezzava),- era, per questo preside speciale, un prezioso osservatore della realtà culturale, politica e civile del paese. Un serbatoio ricchissimo di problematiche e spunti non banali, un ambito professionale che consente di mantenere un contatto diretto e "caldo" con la realtà che il dirigente scolastico, il maestro, l'insegnante, cosi come il giornalista deve percepire, deve tener presente, vuole e deve raccontare.

Si legge nel bando: "Il premio vuole, allora, essere uno stimolo per i giovani che, fin dai banchi di scuola, vogliono imparare a osservare, amare per poi descrivere il loro territorio, con attenzione, semplicità e coraggio". Il concorso prevedeva il redigere un articolo relativo all'attualità artistica, culturale o sportiva dell'area insubrica: articolo che poteva essere incentrato su un personaggio (anche in forma d'intervista), un problema oppure un evento.

 

Mauro Sarasso

Motivazioni delle opere premiate

 

Vincitori SCUOLE SECONDARIE DI I° GRADO

I° classificato Poulos Kostas con

Lezione di vita nella storia di un poeta

 

Motivazioni: Un articolo che esalta, con toni garbati e proprietà di linguaggio, il valore della memoria attraverso la toccante testimonianza di un poeta, che è stato anche internato nei lager del Terzo Reich

 

II° classificato Sonia Baroffio con

Un quadro del '700 riprende vita in una scuola

 

Motivazioni: L’attenzione degli studenti dell’Istituto comprensivo di Malnate per un quadro del '700, custodito nella chiesa del paese, diventa l’occasione per un’analisi attenta e partecipe della storia locale.

 

III° classificato Beatrice Croci con

Lorenzo Vismara alla conquista dell'Australia

 

Motivazioni: Dai giochi della gioventù ai mondiali di Melbourne: la carriera di un campione comasco, il nuotatore Lorenzo Vismara, raccontata con stile fresco e avvincente.


Vincitori SCUOLE SECONDARIE DI II° GRADO

I° classificato Marocchi Camilla con

Un'intervista a Piero Chiara

 

Motivazioni: Affronta con competenza e originalità un'intervista impossibile a una grande rappresentante della terra insubrica: lo scrittore Piero Chiara.

 

II° classificato Pozzoli Filippo con

ITA 23 Insubria

 

Motivazioni: L'Insubria, terra di laghi, raccontata partendo da un veliero che ne porta il nome, utilizzando l’escamotage di un'intervista allo skipper scritta con stile efficace e personale.

 

III° classificato a pari merito Castoldi Sofia con

Due finestre su un cortile

 

Motivazioni: Attraverso le interviste a due dirimpettai di un'antica corte di Mariano Comense l’autrice conduce il lettore dal locale al globale: fino a Parigi e Los Angeles con il pittore Marco Grassi; a Sanremo con Dj Francesco.

 

III° classificato a pari merito Ioppolo Diego con

Al via la ristrutturazione

 

Motivazione: Un fatto di cronaca - la ristrutturazione di un ponte - si intreccia con gli aneddoti relativi ai 10 secoli di storia che sono passati sopra quel manufatto, in un articolo di cui l’autore ha curato particolarmente anche la veste grafica, fondamentale per i giornali di oggi.

 

torna su